Consumatori e device: lo stato dell’arte

  1. E’ l’ora dei device multipli

Che i consumatori usino più di un device per valutare e comperare un prodotto sia per lo shopping online che offline ormai lo sappiamo; abbiamo già scritto diversi post sull’argomento.

Lo ha confermato anche il report “State of Mobile Commerce di Criteo” che rivela come il 40% delle transazioni e-Commerce implica oggi l’utilizzo di più di un dispositivo.

 

desktop-tablet-smartphone

 

Jonathan Wolf, Chief Product Officer di Criteo, ha dichiarato: “Il percorso di acquisto dei clienti è diventato sempre più complesso in quanto i consumatori non usano più un unico device per fare i loro acquisti … Creare un’esperienza coinvolgente tramite app e entrare in contatto con i consumatori tramite più dispositivi contemporaneamente sono elementi fondamentali per generare vendite in questo nuovo mondo.”

Questo comportamento dei consumatori permette di raccogliere statistiche utili per i retailer, che possono comportarsi di conseguenza per aumentare le conversioni nei periodi che risultano più adatti, come ad esempio durante i momenti di vacanza o in quelle altre situazioni dell’anno che dai risultati delle indagini vengono segnalate come utili al mercato.

 

  1. La ricerca di eBay

Per avere qualche informazione in più attingiamo alla ricerca “Multi-Device Ownership: Implications for Retailer and Consumers , condotta da eBay Enterprise User Research.

Questa ricerca è, infatti, il risultato di un interessante sondaggio in merito all’uso dei diversi device da parte dei consumatori.

 

– I risultati del sondaggio

Come, dove e quali device usano le persone per fare i propri acquisti? Con quali preferenze?

Analizzando i dati relativi all’utilizzo dei device all’interno di questo contesto, si possono estrapolare alcuni interessanti risultati.

Secondo questo studio emerge che il vero switch da desktop a mobile è avvenuto nel 2014. Ovvero è nel 2014 che i consumatori hanno iniziato a preferire l’utilizzo dello smartphone per valutare e comprare prodotti rispetto al computer fisso.

L’81% dei consumatori afferma, infatti, che usa più dispositivi per portare a termine l’acquisto di un prodotto.

Verosimilmente:

  • accede da smartphone per vedere un prodotto;
  • accede da tablet per rivederlo;
  • accede da desktop per comprarlo.

 

– Diversificazione a seconda del luogo di utilizzo

Gli smartphone dominano nei seguenti contesti: a casa, al lavoro, nei negozi e quando si è in movimento… rispetto ad altri device come ad esempio tablet, palmari ecc (questa ricerca è antecedente all’uscita sul mercato degli Apple Watch e tecnologie affini n.d.r.)

E i tablet e i computer che fine hanno fatto? Vengono usati prevalentemente a casa.

 

I risultati della ricerca attestano anche che gli smartphone sono usati per accedere ad Internet prevalentemente a casa (l’87% degli intervistati), rispetto ad altri luoghi e la cosa più inaspettata è che al lavoro sono usati molto di più (il 52%) rispetto ai computer (il 36%).

Strano? Forse. O forse no, dato che proprio in questo periodo è in esame il DDL sul “lavoro agile” in Senato, che sottintende un cambiamento del concetto di lavoro: il lavoro non sarà più solo il posto dove si va alla mattina, ma qualcosa che si fa. Da dove si vuole e dal dispositivo che si preferisce.

E questo le nuove generazioni lo sanno bene.

 

– La situazione in Italia

In Italia la percentuale delle transazioni e-Commerce da mobile supera il 27% e si registra una crescita costante in tutte le categorie merceologiche.

Non solo, ma vi è un chiaro dominio dell’uso dello smartphone: ben il 57% delle transazioni in mobilità avviene tramite questa modalità. Il livello di propensione all’acquisto tramite questo strumento cresce esponenzialmente anche grazie a schermi di dimensioni maggiori rispetto al passato.

Ne consegue che i siti ottimizzati per il mobile registrano un tasso di conversione superiore del doppio di quello dei siti non ottimizzati.

 

  1. In sintesi

Sintetizziamo tutto ciò che è stato detto in questo post citando il parere di Wolf sull’argomento: “L’adozione del mobile da parte dei consumatori continua ad essere il trend più significativo sia nell’e-Commerce che nell’advertising e il ritmo di crescita si conferma sorprendente.

La capacità dei marketer di sfruttare le nuove tecnologie per identificare con precisione i consumatori e raggiungerli ovunque essi si trovino sta diventando il fattore di successo in un mondo in cui la maggior parte delle operazioni si svolgeranno sempre di più su dispositivi multipli.”