Content is King anche nell’E-commerce

L’importanza di avere, nel limite del possibile, una buona ed efficace comunicazione a due vie con la propria clientela è evidente a chiunque abbia un’attività nel mondo del commercio.

 

 

Content-is-King

 

Ciò è ancor più vero nelle circostanze odierne, in cui stanno prendendo sempre più piede le attività di vendita via Web visto il continuo incremento dell’ E-commerce.

Di conseguenza anche per i retailer online il connettersi con i propri clienti in modo strategico diventa importantissimo; anzi è, ormai, addirittura indispensabile se si vogliono incrementare le vendite e rafforzare la fedeltà al brand.

Ora, con i propri utenti si comunica anzitutto attraverso dei contenuti, che possono essere principalmente testuali e visivi.

 

Contenuti testuali

Anzitutto è indispensabile tener conto dei contenuti dei messaggi che un brand comunica, proprio perchè il saperli comunicare adeguatamente permette di far fronte ad una nuova realtà che è la presa di coscienza del fatto che oggigiorno, grazie ai digital media, la linea che divide il “commercio” dai “contenuti” sta diventando sempre più labile.

Proprio per questo Shannon Denton, Razorfish, North American chief già nel 2013, al Digiday Agency Summit, parlò di una imminente collisione tra mondo del commercio e mondo dei contenuti.

Come abbiamo visto tempo fa nel post “Mobile Marketing: tutti i trend del 2016  queste previsioni sono diventate realtà: il mercato è maturo per il Social Commerce!

Di conseguenza anche i retailer online devono cambiare mentalità e smettere di ragionare per “silos” quando si parla di E-commerce e di Marketing!

 

Il futuro dell’ E-commerce, che è già presente, è la creazione di un’esperienza di shopping continua, integrata e coordinata. Un’esperienza utente omnichannel a tutti gli effetti.

Ed è proprio questo che l’omnicanalità ci permette di realizzare, perchè nell’omnicanalità non si veicola solo un’esperienza d’acquisto coerente e coordinata su tutti i canali, ma anche una comunicazione fatta di brand experience e di storytelling!

Ma di questo ne parleremo nel prossimo articolo.

 

Contenuti visivi

Tornando a quanto detto prima, un punto critico tanto quanto attuale è rendere acquistabili i prodotti tramite i social media.

Qual è il nocciolo del problema? Nelle vendite online vi è l’assenza fisica del prodotto, quindi per sostituirla sono necessarie delle foto e, meglio ancora, dei video.

 

Naturalmente i video, e ancor più quelli interattivi, non sono la giusta soluzione per tutti i prodotti, visto che vanno ad incidere in modo pesante sul budget delle digital production di un E-commcerce. La loro utilità dipende da diversi fattori che vanno analizzati e presi in considerazione.

In sintesi la scelta di utilizzare i video dipende da quanto un video riesce a migliorare la conversion rate di quel particolare E-commerce e quindi quanto può incidere il costo del video sul fatturato totale.

In generale, però, la loro utilità è indiscussa. Infatti, da ricerche di mercato fatte a livello internazionale emerge che per ben il 92,6% degli utenti è importante “vedere bene il prodotto per passare ad una decisione d’acquisto.

Non solo, ma dalle stesse indagini risulta che per ben il 40% degli utenti italiani vi è anche il bisogno di “toccare” la merce.

Come si può venire incontro a quest’ultima esigenza? Mettendo il possibile utente nelle condizione di poter interagire con il negozio virtuale tramite i video interattivi.

 

L’interazione ( i video interattivi)

Secondo Anthony Mullen, analista di Forrester:  “Ė arrivato il momento di iniziare ad abbracciare nuovi approcci nei confronti del video marketing: i video interattivi IV.”

Grazie a questa tecnologia per i consumatori è possibile interagire in tempo reale con i video attraverso gesti, voce, toccando lo schermo o semplicemente con un click, compilando form online, interagendo con tutorial, giocando, ecc…

La tecnologia IV può contenere sia video/elementi dinamici che statici. E questo lo rende davvero un grande formato!

I visual content (immagini e video) sono sempre di più al centro della strategia di contenuti dei merchant e rappresentano una grande opportunità per le vendite – e non solo perché portano gli utenti negli store.

I contenuti visuali ed interattivi diventeranno tra poco tempo dei veri e propri trend che nessuno potrà più ignorare.

Certo non è come prendere in mano o toccare il prodotto in un negozio, ma per certi prodotti è più che sufficiente per indurre alla decisione d’acquisto.

 

L’acquisto

Esistono già delle tecnologie che fan sì che interagendo con il video sia possibile procedere all’acquisto dei profitti illustrati dalle immagini e dai contenuti? Ovviamente sì.

Per esempio Kiosked apre una finestra mentre l’utente sta visualizzando il contenuto e gli permette di comprare quello che sta guardando senza abbandonare la pagina. Geniale, vero?

 

P.S.: Kiosked non mi dà provvigioni 🙂  Come sempre suggerisco le tecnologie interessanti presenti sul mercato

Commenta l'articolo con il tuo profilo Google Plus...