E-Commerce UX: 4 tips per un carrello usabile

Continuiamo il nostro viaggio sull’importanza di un carrello usabile nella decisione d’acquisto, iniziato nell’articolo precedente, prendendo come riferimento la ricerca sull’E-Commerce condotta dalla Nielsen Norman Group.

 

 

  1. Elencare dettagli del prodotto con immagine grande e chiara

 

Poichè gli utenti prendono la propria decisione d’acquisto nella pagina carrello, è essenziale che tale pagina riassuma i prodotti selezionati riportandone tutte le informazioni necessarie.

 

Anche le immagini che illustrano il prodotto devono essere inserite nel carrello e devono essere abbastanza grandi per far comprendere all’utente i dettagli del prodotto in modo che lo possa comparare con altri prima di arrivare alla decisione finale.

 

Ovviamente non devono mancare, oltre alle immagini, anche altre informazioni, come:

  • nome del prodotto
  • Caratteristiche selezionabili dall’utente (ad esempio il colore, il materiale, la grandezza)
  • il prezzo

 

immagine-1-art-2

Cablelas.com ha inserito accanto ad ogni immagine chiara e grande le seguenti informazioni sul prodotto:

  • Nome
  • Taglia
  • Colore

 

Perché l’immagine del prodotto è essenziale?

Perché aiuta il momento di “riflessione e comparazione” dei prodotti e offre, anche a chi ha già deciso, un sommario visivo intuitivo e rapido.

 

Secondo la ricerca, molti E-Commerce non offrono immagini nel carrello, oppure hanno immagini troppo piccole e fatte male.
Ad esempio le immagini prodotto nel carrello di Levi sono molto piccole ed è quasi impossibile identificare i prodotti!

 

Limmagine deve aiutare le scelte e le decisioni degli utenti. Illustrare i prodotti con un colore sbagliato o con dettagli diversi rispetto alle opzioni selezionate in precedenza, causa dubbi sull’aver compiuto la selezione giusta, anche se è corretto il testo di accompagnamento

 

boscovs

Boscovs.com include le immagini prodotto nel carrello, ma i colori dei prodotti illustrati sono sbagliati. La T-Shirt blu dovrebbe essere grigia e i sandali rossi dovrebbero essere blu. Questa incongruenza crea confusione e dubbi sulla serietà e onesta del sito.

 

  1. Linkare a ulteriori dettagli sul prodotto

 

Gli utenti che necessitano di informazioni aggiuntive per prendere la decisione finale, spesso e volentieri prima vogliono ritornare alla pagina prodotto per leggere più informazioni o riassumerne i dettagli.

Quindi, è necessario che i siti diano agli utenti un accesso rapido dal carrello alla pagina prodotto tramite un link.

 

Sul sito Gap qui riportato gli utenti che cliccano sul nome del prodotto o sull’immagine vengono correttamente reindirizzati alla scheda prodotto con tutti i dettagli.

 

Gli utenti devono, naturalmente, capire che il nome del prodotto o l’immagine all’interno del carrello siano cliccabili. Altrimenti non sanno come fare. La soluzione è semplice: basta utilizzare un colore diverso e l’utente comprende che si tratta di un link. Gap – nell’esempio sovrastante – usa il colore blu, universalmente identificabile come link.

 

  1. Gli utenti devono poter rimuovere facilmente i prodotti

 

Anche se può sembrare contrario al mantra “fidelizza e vendi di più” o alle tecniche di “cross e up selling” di vari siti E-Commerce, è essenziale che un consumatore possa velocemente e facilmente rimuovere i prodotti dal carrello.

 

Perché, come abbiamo detto più volte, l’utente usa il carrello prima di tutto come luogo di archiviazione, quindi, può essere che molti di questi prodotti non vengano alla fine acquistati.

 

Che fare?

 

Un’ottima soluzione può essere quella di inserire un semplice link dal titolo Rimuovi i prodotti dal carrello. Secondo la ricerca il termine “rimuovi” è comprensibile a tutti, poiché familiare, mentre il termine “elimina” riflette di più una visione tecnica dell’acquisto.

 

Spesso gli utenti sono portati a risolvere il problema inserendo la quantità zero nel carrello. Molti siti, però, impediscono questo tipo di azione e non includono il numero zero nella lista delle possibilità di scelta o danno errore laddove l’utente cerchi di inserirlo manualmente.

 

Sembra commercialmente controproducente, ma in realtà non lo è. Dare la possibilità all’utente di rimuovere facilmente i prodotti dal carrello o inserire lo zero come alternativa per rimuovere il prodotto è un ottimo modo per migliorare l’usabilità, non solo del carrello, ma di tutto quanto l’E-Commerce.

 

Più un E-Commerce è facile da usare, più gli utenti sono inclini a comprare. Quindi l’equazione può essere senza dubbio la seguente:

+ USABILITA’ = + VENDITE

 

immagine-5-art-2

Adidas.com nell’immagine sopra riportata ha scelto di veicolare un link per rimuovere ciascun prodotto e non di inserire lo zero come quantitativo.

 

  1. Aiutare l’utente nella decisione finale

Certamente il carrello non è l’unica parte dell’E-Commerce dove gli utenti compiono decisioni, ma è sicuramente una parte “critica”:

Ogni aspetto del sito contribuisce all’esperienza complessiva dell’utente e pertanto al successo o insuccesso del sito.
–> Vi segnalo le 800 linee guida che la Nielsen Norman Group evidenzia nella sua ricerca per ottimizzare al meglio l’usabilità di un sito di E-Commerce.

Al termine di questo excursus risulta evidente che il carrello di un E-Commerce non possa essere visto come una mera lisa dei prodotti, bensì come un vero e proprio supporto alla decisione d’acquisto dell’utente.

 

Caring about Shopping cart is E-Commerce Caring! 

 

Ti è piaciuto l’articolo e non vuoi perderti i prossimi?

Allora iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato sui temi della CRM, dell’E-Commerce e dell’usabilità 🙂